Copyright © 2014 - Nova Cana
-Home


-La storia
-L'incontro con Maria
-Il Bocco
-Il territorio
-La gente
-I personaggi
-Filmati storici
-Foto d'epoca
-Nova Cana
-Attività
-Eventi
-Dicono di lei
-Testimonianze
-Parole Chiave
-Libri e Dvd
-Rassegna stampa
Home IT
Inicio ES
noi lo vogliamo, ed intuiamo che siamo anche capaci di costruirlo, se perdessimo la paura di comunicare questo desiderio, questa visione. Scopriremmo che è il desiderio di tutti. Perché allora è cosi difficile vivere e pensare ad un mondo migliore, alla comunità? L’ostacolo più grande è la paura di comunicare il proprio sé. Si teme che l’altro, anziché accogliere l’unicità della nostra persona, la banalizzi, o sia disposto a riconoscerla solo se ricalca il modello che in quel momento è di moda. Noi temiamo l’esporci, il comunicare, abbiamo pudore di dire le cose più nostre e nelle quali ci riconosciamo. Abbiamo paura di essere profanati, anche se la voglia di comunicarci è tanta, e il tenerci tutto dentro ci fa soffrire ed intristire. Immaginare un mondo dove non sia necessario difendersi, dove l’altro ti accoglie e ti ascolta con gioia perché sa che la tua comunicazione è unica e irripetibile, e perciò è il massimo del valore, -questo - è il sogno di tutti. Ma tutti restiamo chiusi nel nostro io e costruiamo grandi difese perché nessuno scorga quello che c’è nel profondo. Siamo persone con il desiderio di comunicare, di essere accolti, di ascoltare e di accogliere, ma solo individui chiusi nella propria soggettività della vita quotidiana. E così nessuno ci può togliere dal dolore, nessuno ci può aprire alla speranza di un futuro migliore. Le nostre difese ci soffocano. Il nostro desiderio è troppo debole per togliere i condizionamenti culturali che non ci permettono di comunicarci come siamo nel nostro profondo. L’abito mentale più comune, impersonale, diviene il comune denominatore per tutti. La persona potenziale, che è ognuno di noi, resta sepolta nel proprio desiderio e tristezza. La comunità che, - comunicando fra noi - potremmo insieme costruire, resta l’orizzonte della speranza e di ogni fede. Si spera che laddove noi abbiamo ceduto la nostra possibilità, altri nostri simili, o altri enti superiori a noi, possano realizzare ciò che noi non abbiamo potuto o voluto realizzare. In questo ripiegamento su se stessi vi è dolore, non senso, e arretramento della creatività umana e della storia, rispetto a quello che potrebbe esserci. Non vi siete mai domandati perché grandi civiltà arrivano fino ad un certo punto e poi spariscono? Ebbene, io sostengo la tesi che quando l’uomo arriva a realizzare i contenuti della sua cultura, termina la sua evoluzione. A questo punto se egli non fa un salto di qualità, liberando la sua fantasia e creatività, non può che morire. L’uomo, per continuare la sua storia, deve permettere alla sua fantasia le più azzardate ipotesi. Deve lasciarla libera di pensare a un mondo migliore rispetto a quello in cui si è trovata a vivere, deve poter pensare ad un mondo d’amore dove egli è necessario per dare e ricevere amore. Dove lui è il referente di tutto l’amore del mondo ed è ancora lui la sorgente di tutto l’amore per l’altro. L’uomo non deve temere la propria creatività, perché è ad essa che è affidata la realizzazione delle ipotesi della fantasia. La creatività della persona serve per rendere il mondo come noi lo immaginiamo nel nostro desiderio d’amore e armonia. La creatività di ogni persona è il dono singolare che essa può fare agli altri, a tutto il mondo. Ed è, appunto, con la creatività che ci si pone in relazione originale ed unica con ogni altra persona. E questa relazione fra le persone è l’inizio della comunità. Non ci può essere comunità se non vi è persona…. Non c’è persona se non c’è relazione creativa tra le persone…. E la persona nasce da un suo autonomo atto creativo ispirato dal desiderio, il quale contiene sia il nostro fine che la nostra identità, appunto, come desiderio. Incominciare a comunicarsi il proprio desiderio, senza paure e pudori, vuol dire incominciare un processo che ci porterà lontano…. Ad essere persone e a progettare assieme la comunità come arte di vivere insieme nella gioia.

Angela Volpini - 18 marzo 1999 Isole Canarie
...La comunità di cui parlo non è la semplice aggregazione del vivere, così come ci capita nel nostro venire al mondo, ma è il progetto di come noi concepiamo la convivenza umana, ed il tipo di rapporto che vogliamo instaurare con l’altro. In una parola è il modo in cui noi concepiamo i rapporti tra gli uomini, e come vorremmo che questi interagissero fra loro per poter usare, per il bene di tutti, originalità e creatività, e fare così un mondo più bello, più buono, più giusto. Un mondo in cui sia piacevole viverci. Nel profondo del nostro desiderio, questo tipo di mondo noi
per scaricare il testo in formato pdf, clicca qui
Frammenti di una nuova visione dell'uomo
La Comunità
La Comunità
(segue dalla Home page)
Página ES
Condividi
Commenta
-Segnalazioni
-Calendario
-Come arrivare
-Contatti
-Donazioni
-Mappa del sito
-Download
-Newsletter
-Facebook
Parole chiave
Cerca